Bundesliga: la storia del campionato calcistico tedesco

La Bundesliga è il più importante campionato di calcio tedesco, considerato come uno dei principali tornei nazionali calcistici. La competizione è gestita dalla DFB, la Federazione Calcistica della Germania.

Lo sviluppo del calcio in Germania

L’organizzazione del primo campionato calcistico tedesco risale al 1901. La formula non prevedeva il girone unico, ma una serie di tornei a livello regionale, ai quali seguivano le fasi nazionali, disputate dalle squadre vincitrici delle competizioni locali. La compagine ad aggiudicarsi il primo titolo di ‘Campione di Germania’ fu il Lipsia VfB.

L’era nazista

Dal 1933 al 1944 si disputò la Reichliga, campionato a cui partecipavano le squadre professionistiche provenienti dalle varie leghe regionali, le quali formavano la Oberliga. Alla Reichliga potevano accedere sia le squadre tedesche che le squadre austriache.

I team più competitivi durante il regime nazista furono lo Schalke 04, vincitore di ben 5 titoli, e il Dresdner SC, in grado di trionfare 2 volte consecutive, prima della sospensione dei campionati a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Un titolo venne conquistato anche da una squadra austriaca, il Rapid Vienna, vittorioso nel 1941.

alle+Bundesliga+Logos_1
Il dopoguerra e la nascita della Bundesliga

La scissione politica tedesca portò alla creazione di due campionati separati: uno per la Repubblica Federale, denominato successivamente Bundesliga, e uno per la Repubblica Democratica, il quale continuò a portare il nome di Oberliga,

Anni ’40 e ’50

Il campionato della Repubblica Federale fu caratterizzato, durante gli anni ’40 e ’50, da un forte equilibrio. Soltanto 2 squadre riuscirono ad aggiudicarsi più volte il titolo: il Kaiserslautern nel 1951 e nel 1953, e il Borussia Dortmund, primo in classifica 2 volte consecutivamente, nel 1956 e nel 1957.

Anni ’60

L’equilibrio proseguì anche nel decennio successivo, in cui riuscirono a imporsi 2 volte il Colonia e il Norimberga e le restanti volte l’Amburgo, il Borussia Dortmund, il Werder Brema, il Monaco 1860, il Braunschweig, il Bayern Monaco e il Borussia Mönchengladbach. Dal 1964 il Campionato Federale assunse ufficialmente il nome di Bundesliga.

Anni ’70

Proprio le ultime 2 squadre a conquistare il titolo, ossia Bayern Monaco e Borussia Mönchengladbach, dominarono gli anni ’70, conquistando rispettivamente 3 e 5 titoli, lasciando poco spazio alle avversarie.

Il Bayern Monaco, guidato da campionissimi come Gerd Muller e Franz Beckenbauer, si impose anche oltre i confini nazionali, vincendo per 3 volte consecutive la Coppa dei Campioni, dal 1974 al 1976, mentre il Borussia Mönchengladbach trionfò 2 volte in Coppa UEFA, confermando lo strapotere europeo delle squadre appartenenti alla Bundesliga.

Anni ’80

Il dominio del Bayern Monaco proseguì quasi incontrastato durante gli anni ’80, decade in cui i bavaresi conquistarono il titolo per ben 5 volte. Gloria anche per l’Amburgo, con una doppia vittoria, per lo Stoccarda e per il Werder Brema.

La fusione con la Oberliga

A seguito della riunificazione della Germania, nacque la nuova Bundesliga, comprendente sia le migliori squadre dell’ex Repubblica Federale, che quelle dell’ex Repubblica Democratica.

Accanto al solito Bayern Monaco, vincitore di ben 4 campionati in 10 anni, si affermò il Borussia Dortmund, capace di conquistare 2 titoli.

Dal 2000 ad oggi

Anche le ultime 15 stagioni della Bundesliga hanno avuto il Bayern Monaco come dominatrice: 9 le vittorie della compagine bavarese, intervallate dai trionfi del Borussia Dortmund, vincitore di 2 campionati, dello Stoccarda, del Werder Brema e del Wolfsburg.