La Bundesliga, dalla fondazione ad oggi

Cos’è la Bundesliga e come si svolge

Con il termine Bundesliga si identifica la massima divisione del campionato tedesco (ed anche austriaco).

Si svolge con cadenza annuale e prende il via nel mese di agosto. Proprio come avviene nel campionato italiano, anche la Bundesliga si suddivide in due fasi. Esistono, infatti, il girone di andata (da agosto a dicembre) e quello di ritorno (da gennaio a maggio).

In questi 10 mesi, 18 squadre si sfidano tra loro per conquistare la vittoria finale. Ogni partita vinta porta al club 3 punti in più in classifica. Un punto viene attribuito per il pareggio mentre pari a 0 è l’attribuzione dei punti in caso di sconfitta (proprio come avviene in Italia).

Vincere la Bundesliga significa portare a casa il Deutsche Meisterschale e avere la certezza di essere ammessi a partecipare alla Champions League. Altri vantaggi sono previsti fino al sesto classificato. Per il primi 4, infatti, è prevista la Champions League (anche se il quarto dovrà affrontare i cosiddetti “play-off”).

Per le squadre che si sono classificate, invece, al quinto e sesto posto è prevista la partecipazione alla Uefa Europa League. Le ultime due squadre, invece, vengono destinate alla retrocessione in categoria inferiore.

La Bundesliga dalla fondazione ad oggi

Ad oggi è in corso l’edizione 2014-2015 della Bundesliga, sebbene la sua fondazione sia datata, ormai, 1963. All’inizio, con questo termine si intendeva solamente il campionato di calcio della Repubblica Federale Tedesca, in contrapposizione con l’Oberliga che, invece, era il campionato della Repubblica Democratica. Dopo la caduta del muro di Berlino (1989), anche la storia della Bundesliga fu destinata a cambiare. Con questo nome, infatti, fu identificato tutto il campionato calcistico tedesco di massima serie, a partire dalla stagione 1991-1992.

Fino ad oggi si sono svolti in totale 52 campionati a cui hanno preso parte 53 squadre. Il record di partecipazione spetta alla squadra dell’Amburgo (52), seguita da Werder Brema (51), Bayern Monaco e Stoccarda (50), Borussia Dortmund (48), Shalke 04 (47). Una sola partecipazione, invece, per alcune squadre tedesche, tra cui Tasmania Berlino e Paderborn 07 che è, nella stagione attuale, alla sua prima partecipazione.

L’attuale detentore del titolo è il Bayern Monaco che risulta anche essere il club che più volte ha raggiunto la vetta della classifica, con ben 24 titoli. Il Bayern Monaco è, tra l’altro, detentore di quasi tutti i record della competizione come, ad esempio, quello sull’imbattibilità o sul minor numero di reti subite.

Bundesliga_logo
I calciatori con maggiori presenze in Bundesliga

Di rilievo la classifica dei calciatori con maggiori presenze in Bundesliga. Da sempre, il calciatore con più presenze è il tedesco Karl Heinz Korbel (602). Seguono Manfred Kaltz (581), Oliver Kahn (557), Klaus Fichtel (552), Miroslav Votava (546). Tutti i giocatori che occupano almeno le prime 10 posizioni sono tedeschi, eccetto il ceco Votava.

Il miglior capocannoniere della storia tedesca

La storia della Bundesliga annovera il nome di Gerd Muller al primo posto tra i capocannonieri, con ben 365 reti segnate nelle stagioni tra il 1965 e il 1979. Dal 2004 viene riconosciuto alle squadre meritevoli il Riconoscimento per Squadre Vincitrici, ovvero l’attribuzione sulla maglia di 1,2,3 o 4 stelle in base al numero di titoli vinti. A 4 stelle, ad oggi, solo il Bayern Monaco (24 titoli).

Suggerito da: sport.sky.it/tag/sport/bundesliga_1.html